menu Home
News

INTERVISTA A BOB CORRITORE

Radio Roccella | 6 Febbraio 2021

Per la rubrica Me&Blues ho l’onore di
intervistare Bob Corritore: un importante artista, tra i migliori suonatori di armonica blues sulla scena internazionale.
Nato a Chicago nel 1956 oggi è il proprietario della Rhythm Room, fondatore della Southwest Musical Arts Foundation, editore e scrittore principale della Bob Corritore Blues Newsletter, in più sostenitore ufficiale delle armoniche Hohner.
Ha vinto il premio Keeping The Blues Alive.
Successivamente con l’album “Bob Corritore & Friends / Harmonica Blues” si è aggiudicato un Blues Music Award 2011. Siamo nel 2012 quando Bob ha ricevuto un Living Blues Award nella categoria Harmonica. Nel 2019 l’uscita di “Don’t Let The Devil Ride” gli ha permesso di vincere il Blues Blast Music Award per il miglior album di
blues tradizionale.
Bob Corritore è un musicista che ha già all’attivo ben diciotto album. E’ stato ospite come armonicista in diversi lavori realizzati da suoi colleghi del calibro di R.L.Burniside, Pinetop Perkins e Bob Margolin.
Ha prodotto Kim Wilson e William Clarke: due grandi armonicisti suoi idoli di quando era ragazzo e cominciava a soffiare sulla prima armonica.
Bob, sono molto contento di averti come mio ospite per questa intervista. Come stai? Dove ti trovi in questo momento?
Grazie Gianfranco! È un onore. Sto bene e sto al sicuro qui a Phoenix, in Arizona.
Sei un artista abituato a girare il mondo e stare sul palco, come hai reagito e ti sei organizzato in questo periodo di pandemia?
Bob:La pandemia ha bloccato le mie esibizioni di musica dal vivo. Il mio ultimo spettacolo prima che la pandemia chiudesse tutto è stato il 14 marzo.
Ho fatto uno spettacolo all’aperto otto mesi dopo, il 14 novembre. Ma è spaventoso avere così tanta visibilità anche se questo è stato un concerto
abbastanza sicuro. Metto i miei concerti dal vivo in attesa fino a quando non sarà di nuovo al sicuro. Mi manca davvero stare su un palco di fronte a un pubblico. Mi manca esibirmi e andare in tour con i miei amici. Mi manca interagire con il pubblico e autografare i CD. Quindi ho dovuto concentrare le mie energie sul mio programma radiofonico settimanale, la mia pagina Facebook, il mio sito web (www.bobcorritore.com) e rivedere i master tapes di vecchie registrazioni per il rilancio futuro. Quindi sono rimasto piuttosto impegnato, pur essendo molto appartato. Non voglio davvero prendere il virus.
La storia racconta della prima armonica che ti è stata regalata dal tuo fratello maggiore, ma come nasce la tua passione per il blues e per
l’armonica e quali sono stati i musicisti che ti hanno maggiormente influenzato?
In realtà non ho un fratello maggiore. La mia prima armonica mi è stata data da mio fratello minore, che è il mio unico fratello. Ho sempre amato il
suono dell’armonica. Sono stato particolarmente influenzato da Little Walter, Junior Wells, Sonny Boy Williamson, Carey Bell, Big Walter Horton, James Cotton. C’era un armonicista per lo più sconosciuto al di fuori di Chicago di nome Dave Waldman che mi ha mostrato il blocco della lingua e il
supporto dell’armonica in stile ensemble. Dopo Little Willie Anderson, Big Leon Brooks, Louis Myers, Lester Davenport e altri grandi armonicisti di Chicago, mi hanno dato ulteriori istruzioni. E più tardi, dopo esserci trasferiti a Phoenix, Bill Tarsha, Kim Wilson, William Clarke e Johnny Dyer così come Lazy Lester hanno avuto anche una grande influenza su di me.
Nascere e vivere a Chicago, a mio parere, significa avere una spinta in più sulle cose che un artista blues andrà a creare. Quanto ti ha aiutato musicalmente la città dove sei nato?
Bella domanda. Tieni presente che Chicago è famosa per la grande armonica! Lo stile blues di Chicago ha un certo suono che riflette davvero quella città. Muddy Waters e la sua band erano il modello di quel suono. Fu nella band di Muddy Waters negli anni ’50 che il pioniere dell’armonica Little Walter divenne famoso. Little Walter ha ampliato il vocabolario musicale dello strumento. Dopo che Walter ha introdotto il suo suono, tutti a Chicago sono stati influenzati. Little Walter è morto nel 1968, quindi non ho mai avuto modo di vederlo esibirsi. Ma ho visto la sua influenza su tutti i grandi suonatori di armonica. Così, quando stavo imparando a suonare, ho studiato quel suono di Chicago. Ho il suo libro di regole di fraseggio e tono. Ma
quando sai come suonare quello stile, tutti i musicisti più anziani riconoscono immediatamente quello che stai facendo. Ho avuto molti favori e mi sono ritrovato su dei fantastici palchi con artisti leggendari di Chicago. Ho sempre cercato di essere degno delle incredibili opportunità che ho ricevuto.
La cosa che mi ha colpito maggiormente del tuo lavoro è la quantità di colleghi che riesci ad invitare nei tuoi dischi, oltre chiaramente alla
tua band. Come fai a dirigere il traffico e relazionarti con loro di volta in volta?
Nel 1981 mi sono trasferito da Chicago a Phoenix per quello che pensavo sarebbe stato solo un anno. Non mi
rendevo conto che avrei iniziato a mettere radici in questa città. Subito dopo essermici trasferito, Louisiana Red mi ha seguito da Chicago ed è rimasto con me per un anno. Abbiamo fissato molti concerti e mi sono rapidamente stabilito musicalmente a Phoenix. Nel 1984 ho avviato un programma radiofonico blues e nel 1991
ho aperto un locale chiamato Rhythm Room. Quindi a quel punto ero un musicista affermato con una grande
band, un programma radiofonico e un club di concerti blues. Così la Rhythm Room divenne immediatamente la
tappa di Phoenix per i tour blues. Questo mi ha dato la possibilità di incontrare tanti grandi artisti e molte opportunità di registrazione. Ho iniziato a invitare le persone con cui avrei voluto registrare nel club offrendo loro sia la data del concerto che una sessione. Tieni presente che questa è una situazione davvero unica. Ogni
persona con cui faccio musica porta qualcosa fuori di me in un modo unico. Se vuoi un certo suono in una
certa canzone, ci sono alcune persone di cui hai bisogno per quel lavoro. Sono diventato piuttosto bravo nel
corso degli anni a mettere insieme alcune combinazioni di persone davvero interessanti.
Grazie a te, ho ascoltato e mandato in onda diversi tuoi pezzi e mi sono fatto una mia idea. Nel senso che oltre a “Let the Devil ride” del 2018 che ha spopolato e fatto il pieno di premi, penso che “The Gypsy woman told me”, realizzato insieme a John Primer sia una delle tue produzioni migliori. Cosa ne pensi?
Man mano che continuo a pubblicare, sono diventato più bravo nella produzione di album e lavoro sempre per migliorare le mie capacità con
l’armonica. Sono anche più bravo a costruire gruppi e scegliere brani selezionati che tirano fuori il meglio da tutti gli artisti. Sono molto orgoglioso del livello che ho raggiunto e penso che tu possa sentire che ogni uscita di un album è più lunga di quella precedente. John Primer e io abbiamo iniziato a registrare insieme nel 2010 e ci siamo immediatamente collegati perché condividiamo quel suono di Chicago. Ma continua a migliorare! “The Gypsy
Woman Told Me” è il nostro meglio finora! Ma penso che tutte e tre le nostre uscite siano davvero fantastiche. Ma la zingara mi ha detto che aveva una magia in più! John Primer e io ne siamo entrambi molto orgogliosi.
Già nel 2017 avevate lavorato insieme e tra di voi si nota una vera e propria alchimia che gioca a vostro favore, ma come nasce questa
amicizia e collaborazione?
Conoscevo John Primer dalla metà degli anni ’70, quando andavo a vedere Junior Wells suonare al Theresa’s Lounge nel South Side. Ho seguito la
sua carriera con Muddy Waters, James Cotton e la sua lunga carriera con Magic Slim. L’ho visto lanciare la sua brillante carriera da solista! Ma ci è
voluto fino al 2010 per esibirci e registrare insieme. Come ho detto prima suoniamo entrambi blues nello stile di Chicago, quindi c’era un’intesa inespressa che abbiamo immediatamente condiviso. Inoltre John è diventato un prezioso amico e non vediamo l’ora di incontrarci, fare tournée e registrare.
Col grande Henry Gray hai realizzato Cold Chills,che tipo di esperienza è stata?
Adoro Henry Gray e abbiamo fatto musica insieme per 25 anni fino alla sua scomparsa nel febbraio 2020. Henry è una delle persone più dolci che
abbia mai incontrato. Ha anche avuto la storia più profonda nel Chicago Blues, suonando in alcune delle versioni più importanti degli anni ’50 e ’60. Ho portato Henry per la prima volta nella Rhythm Room nel 1996. Questo è diventato un evento annuale in cui abbiamo organizzato un concerto e una
sessione di registrazione. Cold Chills è il secondo volume in collaborazione con Henry Gray. Questo è un album dalle radici molto profonde del
Chicago Blues. Henry ha suonato e cantato nello stile degli anni ’50. Era un cantante e pianista così forte e le sue capacità sono rimaste intatte fino al suo ultimo anno. Che potenza! Quell’album Cold Chills è una testimonianza del potere di Henry!
Quello che mi affascina di più della tua musica è la continua ricerca verso qualcosa di nuovo senza stravolgere mai quel qualcosa di “vecchio” che sono le tradizioni del blues. Quali sono i tuoi progetti futuri?
Grazie Gianfranco! Il 14 maggio uscirà un nuovo album chiamato “Bob Corritore & Friends / Spider In My Stew!” Presenta una vasta gamma di artisti straordinari: Lurrie Bell, Sugaray Rayford, Alabama Mike, Diunna Greenleaf, John Primer, Johnny Rawls, Francine Reed, Oscar Wilson, Willie
Buck, Bill e Shy Perry, Bob Margolin, Junior Watson, Kid Ramos, Johnny Main, Bob Stroger, LA Jones e Adrianna Marie, Fred Kaplan e altri ancora.
Queste sono tutte registrazioni recenti effettuate nel 2018, 2019 e all’inizio del 2020 prima che la pandemia si fermasse. Penso che questo possa essere il mio miglior album finora. Porta il mio modo di suonare e produrre a un nuovo livello! Cercalo su VizzTone Label Group!
Caro Bob è stato un piacere parlare con te e spero nei mesi a venire averti in diretta durante il corso della ma trasmissione, anzi condurremo una trasmissione insieme, visto che tra le tante cose che fai trovi il tempo di fare anche il DJ Radiofonico.

Grazie Gianfranco! Per favore, stai al sicuro …
Sicurissimo…Bob…

Gianfranco Piria

Written by Radio Roccella





  • cover play_circle_filled

    Radio Roccella
    la radio fuori dal coro

  • cover play_circle_filled

    Radio Roccella Vintage

play_arrow skip_previous skip_next volume_down
playlist_play