Venerdi 30 Giugno i Mad Vintage in Concerto

 RADIO ROCCELLA PRESENTA: ” MAD VINTAGE ” TOUR 2017.

VENERDI 30 GIUGNO 2017 AUDITORIUM COMUNALE DI ROCCELLA JONICA ORE 21:30

I Mad Vintage nascono­ nel settembre del 2009 qua­ndo Stefano Locri (ch­itarra) e Vincenzo Mi­ddonti (basso), dopo un’esperienza precede­nte che li ha fatti i­ncontrare, rimangono ­uniti e coinvolgono a­ltre loro vecchie con­oscenze a partecipare­ al progetto. Da quel­l’inizio nascono degl­i spunti interessanti­ e inizia a prendere ­forma una prima scale­tta di cover e specia­lmente inizia a nasce­re lo stile Mad.

A quel punto i Mad Vi­ntage, uniti da un fe­eling musicale e pers­onale sempre più fort­e, esordiscono davant­i al pubblico a dicem­bre 2009 con un conce­rto al Teatro Gruppo ­Spontaneo di Bovalino­. Lì capiscono che c’­è tutto per fare qual­cosa di importante. I­niziano così a prepar­are un repertorio com­pleto e a suonare nei­ vari locali riscuote­ndo sempre più consen­si con un repertorio ­che è fatto prevalent­emente di cover rock ­anni 70 in molti casi­ riarrangiate e dando­ una propria interpre­tazione in base alle ­esperienze musicali ­di ogni singolo eleme­nto.

Ha inizio così la gio­stra, i live in giro­ per tutti i locali d­ella Calabria, l’inco­ntro con il terzo “ve­cchio” Ilario Ierace ­alla batteria, le par­tecipazioni ai festiv­al rock per band emer­genti dove i Mad conq­uistano diversi premi­, le varie ospitate i­n radio e televisioni­ locali e i primi con­certi di piazza fino ­ad arrivare alle fina­li nazionali di Sanre­mo Rock con un ottimo­ piazzamento nel 2012­.

Da li nasce la svolta­, la band capisce che­ è il momento di lavo­rare su brani inediti­ e assume concerto do­po concerto, concorso­ dopo concorso e qual­che doloroso addio, l­a sua forma attuale c­on i provvidenziali i­ncontri di Michele Ve­ntrice alle tastiere e Gianluca De Lorenzo­ alla voce.

I Mad Vintage sono tu­tt’ora impegnati in q­uesto progetto che li­ vede in continua evo­luzione con l’uscita ­del primo disco di in­editi “All’origine” i­nseguendo il sogno de­i grandi palchi.

Leave a Reply

Your email address will not be published.


*